Acqua, magnesio e healthy aging

water from jug pouring into glass on wooden table outdoors

Oggi ricorre la Giornata Mondiale dell’Acqua. In questa occasione, vogliamo parlarvi di un elemento essenziale che assumiamo nella dieta proprio grazie anche al semplice consumo quotidiano di acqua: il magnesio.

Il magnesio è un microelemento imprescindibile per l’organismo. Una tra le più importanti funzioni biologiche svolte da questo minerale è sicuramente il coinvolgimento nella sintesi degli acidi nucleici DNA e RNA dove partecipa come cofattore in reazioni enzimatiche (1).

Ciononostante, soprattutto nella terza età, il consumo di acqua è spesso insufficiente e l’apporto dei suoi oligoelementi è compromesso. Questo rappresenta un potenziale ostacolo al cosiddetto healthy aging, considerando che le reazioni enzimatiche a carico del DNA sono alla base dell’invecchiamento cellulare (2).

Perché l’acqua e non cibi ricchi di magnesio?

La forza dell’acqua come supply di magnesio sta principalmente nella biodisponibilità di questo elemento in essa. Se è vero che ci sono molti alimenti, di origine vegetale come verdure a foglia larga, legumi, frutta secca o anche animale come carne e pesce, noti per il loro contenuto in magnesio, l’accessibilità da parte dell’organismo non sempre risulta ottimale. Questo è dovuto anche alle procedure di cottura dei cibi (ad es. la bollitura) o al processamento industriale che possono diminuire l’assunzione effettiva di magnesio con la dieta (1).

Al contrario, nell’acqua il magnesio si trova nella sua forma inorganica, libero di essere assorbito dalle mucose gastro-intestinali.

In che modo il Mg contribuisce all’healthy aging?

Il magnesio è considerato di fondamentale importanza per la salute ossea contribuendo, insieme al calcio, alla stabilità minerale preventiva per l’osteoporosi. A tal proposito, nel 2009, la European Food Safety Agency (EFSA) ha dichiarato che esiste una “relazione causa-effetto tra l’intake nella dieta di Mg e il normale mantenimento delle ossa”. Alle spalle di questo claim c’è il fatto che circa il 30-40% della popolazione europea analizzata, con maggiore enfasi per le donne in menopausa, soffre di ipomagnesemia. Scegliere un’acqua con un basso contenuto di Ca e Mg causerebbe una riduzione della bone mass density (BMD) con conseguenze sull’integrità delle ossa (3).

Questi sono solo alcuni dei benefici da elogiare della bevanda più semplice, ma anche più salutare al mondo. Scopri di più nel nostro dossier Il valore dell’acqua.

 

Se vuoi conoscere di più sul legame tra Nutrizione, Longevità e Healthy Aging, non perderti la sessione dedicata a questo topic nella XVIII edizione di Nutrimi, il Forum di nutrizione pratica (4-5 aprile 2024, Palazzo dei Giureconsulti, Milano).

 

Riferimenti bibliografici:

  1. Barbagallo M, Veronese N, Dominguez LJ. Magnesium in Aging, Health and Diseases. Nutrients. 2021;13(2):463.
  2. Rowe WJ. Correcting magnesium deficiencies may prolong life. Clin Interv Aging. 2012;7:51-54.
  3. Pampaloni B, Brandi ML. Mineral water as food for bone: an overview. International Journal of Bone Fragility. 2022;2(2):48-55.