Informativa
Close

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Latte e latticini: amici o nemici della pressione?

5 agosto 2019 0 Commenti Le ultime dalla ricerca 331 Views
Latte e latticini: amici o nemici della pressione?

Non è la prima volta che nel mondo scientifico si avanzano ipotesi circa i potenziali benefici di latte e latticini sulla pressione sanguigna, ma questa associazione non era ancora stata studiata in un trial simile.
46 soggetti olandesi – uomini sovrappeso e donne in menopausa, con età compresa tra 45 e 65 anni e BMI 25-30, sono stati coinvolti in un trial crossover nel corso del quale dovevano alternare a 6 settimane ad elevato consumo di latte e latticini (5-6 porzioni al giorno) altre 6 settimane a basso consumo (1 porzione al massimo), o viceversa, con un intermezzo di 4 settimane durante le quali potevano tornare alla dieta quotidiana.
La scelta di quali prodotti consumare era totalmente a carico dei soggetti e poteva spaziare tra un’ampia gamma di latticini (esclusi i formaggi ad elevato contenuto in grassi); era inoltre previsto il supporto di un dietista per permettere il rispetto di porzioni standard e per il mantenimento di un regime isocalorico in entrambi i periodi.
La pressione sistolica e quella diastolica sono risultate significativamente più basse dopo il periodo ad elevato consumo di latte e latticini, seppure l’effetto ‘svanisse’ dopo aggiustamento per l’intake di calcio. Proprio il calcio potrebbe essere quindi il responsabile dell’effetto osservato, probabilmente grazie anche alla sua combinazione con altri minerali presenti nei prodotti caseari quali sodio, potassio e magnesio. Altri possibili responsabili dell’associazione osservata potrebbero essere gli acidi grassi a corta catena prodotti a livello intestinale oppure la cisteina, in grado di agire sulla vasodilatazione.
Prima di sdoganare i benefici di latte e latticini in questo senso, resta tuttavia da approfondire l’impatto sul colesterolo.

 

Rietsema, S., Eelderink, C., Joustra, M. L., van Vliet, I. M., van Londen, M., Corpeleijn, E., … & Navis, G. (2019). Effect of high compared with low dairy intake on blood pressure in overweight middle-aged adults: results of a randomized crossover intervention study. The American Journal of Clinical Nutrition.

Articoli correlati

0 Commenti

Nessun Commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia una risposta