Informativa
Close

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Perdita di massa ossea da radiazioni: un possibile aiuto dalle prugne secche

4 marzo 2016 0 Commenti Le ultime dalla ricerca 2184 Views
Perdita di massa ossea da radiazioni: un possibile aiuto dalle prugne secche

Uno studio del Dipartimento di Scienze della Nutrizione e degli Alimenti dell’Università A&M del Texas, evidenzia una relazione tra il consumo di prugne secche e una protezione contro la perdita di massa ossea indotta dalle radiazioni ionizzanti, un potenziale problema di salute per tutti coloro che sono esposti a radiazioni, come i malati di cancro, i pazienti sottoposti a radioterapia, le vittime di incidenti nucleari e le persone a contatto con le radiazioni per lavoro.

In particolare, dai risultati della ricerca emerge che le prugne secche possono ridurre l’espressione dei geni connessi alla rottura delle ossa, probabilmente a causa del loro alto contenuto di polifenoli con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

A.S. Schreurs et al. Dried plum diet protects from bone loss caused by ionizing radiation, Scientific Reports 6, 11/02/2016

Sull’ Autore

Articoli correlati

0 Commenti

Nessun Commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia una risposta