Informativa
Close

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Meglio uno “snack rapido” o un “pasto comodo”? L’influenza nascosta dell’ambiente alimentare sulle nostre scelte di consumo

3 novembre 2017 0 Commenti Curiosità e falsi miti 2864 Views
Meglio uno “snack rapido” o un “pasto comodo”? L’influenza nascosta dell’ambiente alimentare sulle nostre scelte di consumo
CONDIVIDI

Il comportamento alimentare è dettato solo in parte da scelte che compiamo consapevolmente. Questo studio ha valutato l’effetto del modo in cui il cibo viene presentato sull’”appagamento” derivante dall’alimentazione.
80 donne sono state incluse in un “preload/taste test” che prevedeva il consumo di una determinata porzione di pasta, presentata come “snack” o come “pasto” e offerta su un tavolo apparecchiato o in un contenitore “to-go”, seguito da una valutazione del senso di pienezza, di fame e dal desiderio di mangiare altro cibo. I soggetti che consumavano la pasta presentata come snack e che mangiavano in piedi assumevano più calorie e manifestavano un maggior senso di fame nel corso del taste test. Alla luce delle frenetiche abitudini alimentari della società odierna, questo studio fa riflettere sull’impatto che il modo di alimentarsi, l’”ambiente alimentare” (inteso sia come luogo di consumo che come titolo con cui il cibo viene veicolato), può avere sulle scelte che compiamo ogni giorno.

Ogden, J., Wood, C., Payne, E., Fouracre, H., & Lammyman, F. (2017). ‘Snack’versus ‘meal’: The impact of label and place on food intake. Appetite.

Sull’ Autore

Articoli correlati

0 Commenti

Nessun Commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia una risposta