Eliminare il sale NON fa dimagrire

Cucchiaino di sale

Molte persone provano ad eliminare il sale dalla dieta per dimagrire e prediligono per questo alimenti a basso contenuto di sodio, riscontrando effettivamente per i primi giorni alcuni lievi cambiamenti sulla bilancia. A cosa è dovuto questo effetto? Si tratta di un reale dimagrimento?

Per valutarlo, uno studio randomizzato controllato ha seguito 2 gruppi di soggetti ai quali è stata somministrata una dieta ipocalorica, ma con differenti quantitativi giornalieri di sale: 2 g di Na/die in un caso e 5 g/die nell’altro (1). Nei soggetti che avevano seguito la dieta ipocalorica e con meno sale è stata osservata dopo 2 mesi una maggior riduzione del peso corporeo, causata tuttavia da una riduzione dell’acqua corporea e non dalla riduzione della massa grassa (1). È stato infatti suggerito che in persone predisposte alla ritenzione idrica, la rapida diminuzione del contenuto di sodio nella dieta potrebbe associarsi ad una riduzione dell’acqua corporea con conseguente diminuzione del volume e del peso (2). Non si tratta quindi di un reale dimagrimento, inteso come perdita di massa grassa, ma di un calo ponderale legato alla perdita iniziale di acqua corporea e limitato nel tempo.

Sebbene quindi la riduzione del sale nella dieta non si associ ad un reale dimagrimento, ridurre il sale è certamente un obiettivo auspicabile per la prevenzione delle malattie cronico-degenerative: a questo proposito, le attuali raccomandazioni della World Health Organization raccomandano un’assunzione di sale inferiore a 5 g al giorno per ridurre i livelli di pressione arteriosa e il rischio di malattie cardiovascolari e ictus (3).

  1. Kang, H. J., Jun, D. W., Lee, S. M., Jang, E. C., & Cho, Y. K. (2018). Low salt and low calorie diet does not reduce more body fat than same calorie diet: a randomized controlled study. Oncotarget9(9), 8521.
  2. Titze, J. (2014). Sodium balance is not just a renal affair. Current opinion in nephrology and hypertension23(2), 101.
  3. World Health Organization (2012). Guideline: Sodium intake for adults and children. Geneva, World Health Organization.

Lascia un commento
Prima della pubblicazione, i commenti sono sottoposti a un processo di moderazione che può richiedere anche alcuni giorni. Ci riserviamo la facoltà di eliminare i contributi che saranno ritenuti offensivi, falsi o inappropriati.

Please enter your comment!
Please enter your name here