Informativa
Close

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Antiossidanti: la biodisponibilità potrebbe dipendere anche dalla matrice alimentare

23 settembre 2016 0 Commenti Curiosità e falsi miti 1906 Views
Antiossidanti: la biodisponibilità potrebbe dipendere anche dalla matrice alimentare
CONDIVIDI

La biodisponibilità dei polifenoli alimentari nell’organismo potrebbe essere condizionata dal ‘contesto’ alimentare in cui viene assunto l’alimento che contiene gli antiossidanti. In particolare, dei ricercatori italiani e inglesi hanno studiato gli effetti della digestione (simulata in vitro a livello gastrico e duodenale) su pelli di mandorle (pelate al naturale o tramite blanching) assunte da sole oppure accompagnate da diverse matrici alimentari (come pane croccante in fette, biscotti o latte intero). Dopo digestione, il maggiore rilascio di flavan-3-oli e flavonoli si è ottenuta per le pelli al naturale assunte da sole, mentre pane e biscotti si sono mostrati il miglior veicolo per quelle ottenute da blanching. Il latte sembra essere invece un pessimo veicolo di polifenoli e antiossidanti, probabilmente perché tali sostanze potrebbero legarsi alle proteine riducendo la loro biodisponibilità.

Ad ogni modo, il rilascio di sostanze bioattive dalle pelli di mandorle osservato potrebbe essere alla base degli effetti benefici associati al consumo di mandorle.

 

Mandalari, G et al. Food Matrix Effects of Polyphenol Bioaccessibility from Almond Skin during Simulated Human Digestion. Nutrients. 2016 Sep 15;8(9).

Sull’ Autore

Articoli correlati

0 Commenti

Nessun Commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia una risposta