Informativa
Close

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Dieta mediterranea e longevità: il segreto è nell’equilibrio

16 novembre 2018 1 Commento Le ultime dalla ricerca 678 Views
Dieta mediterranea e longevità: il segreto è nell’equilibrio

L’associazione tra Dieta Mediterranea e longevità è stata più volte dimostrata, ma quali sono le componenti del modello alimentare mediterraneo coinvolte? Per tentare di rispondere al quesito, un team internazionale di esperti, anche dall’Università di Milano, ha da poco pubblicato una meta-analisi degli studi prospettici di coorte pubblicati fino a dicembre 2017, considerando la tipologia e le quantità di alimenti consumati in ciascuno di essi. Oltre ad aver confermato che l’aderenza alla Dieta Mediterranea può ridurre il rischio di mortalità per tutte le cause, gli studiosi hanno osservato come quantità maggiori di frutta e verdura e quantità moderate di alcol (rispetto a nessun consumo o eccessivo) possono ridurre il rischio di mortalità, mentre un consumo di carne al di sopra della media potrebbe aumentarlo.  Comprendere nel dettaglio quali siano le singole componenti che maggiormente influenzano il ruolo protettivo della Dieta Mediterranea potrebbe esser utile anche per proporre, in futuro, cambiamenti specifici della dieta in grado di ridurre efficacemente la mortalità.

 

Eleftheriou, D., Benetou, V., Trichopoulou, A., La Vecchia, C., & Bamia, C. (2018). Mediterranean diet and its components in relation to all-cause mortality: meta-analysis. British Journal of Nutrition, 120(10), 1081-1097. Available at: https://bit.ly/2K8kuDx

Sull’ Autore

Articoli correlati

1 Commento

  1. Paola gennaio 29, at 15:42

    Il segreto del collegamento tra dieta mediterranea e longevità è senz'altro l'equilibrio ma anche la frugalità ed il rispetto del ritmo circadiano. Tutte peculiarità che non troviamo sicuramente in altri modelli alimentari ed in particolar modo in quello occidentale.

    Reply

Lascia una risposta