Mangi poche verdure? Il motivo potrebbe risiedere in una sensibilità genetica all’amaro

mix di verdure amarognole

Il DNA può spiegare una maggiore sensibilità al gusto amaro: ecco perché alcune persone mangiano poche verdure. È quanto emerge da uno studio preliminare realizzato dai ricercatori dell’Università del Kentucky, i cui risultati saranno presentati durante l’incontro annuale dell’American Heart Association che si terrà a Philadelphia dal 16 al 18 novembre.

Come affermato da uno degli autori “la tua genetica influenza il modo in cui percepisci i gusti e il gusto è un importante fattore nella scelta alimentare”. Infatti, ciascuno di noi eredita 2 copie di un gene legato alla percezione del gusto amaro, il gene TAS2R38, di cui possono esistere 2 varianti: la variante AVI o quella PAV. Chi presenta 2 copie della variante AVI è “insensibile” all’amaro di alcune sostanze presenti negli alimenti; chi eredita una copia della variante AVI e una di quella PAV percepisce il gusto amaro; infine, chi presenta 2 copie della variante PAV è estremamente sensibile all’amaro e viene definito un “super-taster”. Queste persone possono trovare sgradevolmente amare verdure come i broccoli, i cavoletti di Bruxelles e i cavoli, ma anche alimenti come il cioccolato fondente, il caffè e alcune birre. A conferma di ciò, i ricercatori hanno analizzato i questionari di frequenza alimentare di 175 persone con età media di 52 anni, perlopiù donne, scoprendo che chi presentava la variante PAV del gene aveva una probabilità più che doppia di essere tra i minori consumatori di verdure.

L’obiettivo futuro è quello di poter utilizzare queste informazioni per identificare delle verdure maggiormente accettate anche dai super-taster, in modo da poter dare dei consigli più mirati che possano facilitare l’assunzione di questa categoria di alimenti. Come sappiamo infatti dagli ultimi dati, solo 1 italiano su 10 consuma la quantità giornaliera raccomandata di frutta e verdura (five a day).

American Heart Association Scientific Sessions (2019). Oral Presentation 200: Sensitivity to bitter tastes may be why some people eat fewer vegetables. https://newsroom.heart.org/news/sensitivity-to-bitter-tastes-may-be-why-some-people-eat-fewer-vegetables

Lascia un commento
Prima della pubblicazione, i commenti sono sottoposti a un processo di moderazione che può richiedere anche alcuni giorni. Ci riserviamo la facoltà di eliminare i contributi che saranno ritenuti offensivi, falsi o inappropriati.

Please enter your comment!
Please enter your name here