Fibra e benessere intestinale: la ricchezza della segale

Il suo consumo all’interno della dieta è spesso decantato come abitudine essenziale per la salute dell’intestino: la fibra alimentare non manca mai tra i nutrienti raccomandati per una sana alimentazione, soprattutto per la sua capacità di regolare e favorire la funzionalità intestinale, nonché per il ruolo preventivo sullo sviluppo delle malattie croniche. Tuttavia, mentre molti dei cereali che ne sono ricchi sono diffusi e presenti sulle tavole di tutta Italia – come frumento, riso o mais – altri sono meno utilizzati e conosciuti nonostante le loro proprietà: è il caso della segale, cereale antico tra i più ricchi di fibre.

Prodotta e diffusa soprattutto nel nord e nell’est dell’Europa, la segale (Secale cereale) è utilizzata oggi in particolare per la produzione di alimenti per la prima colazione e del pane. Ricca di fibre quali arabinoxilani, fruttani e β-glucani, nell’ambito della panificazione la sua farina è considerata uno dei migliori ingredienti per aumentare l’apporto di fibre nel prodotto finito: il contenuto è superiore persino rispetto a quello del grano, con una concentrazione che va dal 12 % (del peso secco) nella parte più interna dell’endosperma al 38% nella crusca.

In particolare, la segale si distingue per i benefici apportati da alcune delle sue fibre solubili, fermentate dalla flora intestinale e coinvolte nella modulazione del metabolismo. Tra questi gli arabinoxilani, più abbondanti e più solubili nella segale rispetto a quelli del frumento, vengono fermentati nel colon dove promuovono la produzione di butirrato, un acido grasso a catena corta che in concentrazioni elevate sembra essere associato a un buono stato di salute intestinale. Anche i lignani, della famiglia dei fitoestrogeni, portano alla formazione di un metabolita – l’enterolattone – considerato un marcatore di una dieta sana, di fermentazione attiva e di un colon “in salute”.

In che modo, quindi, la fibra di segale e i suoi metaboliti aiutano la normale funzionalità intestinale? Oltre alla promozione della produzione di acidi grassi a catena corta (non solo di butirrato, ma anche di acetato) e all’apporto di molecole come i lignani, diversi studi hanno riscontrato effetti che includono l’aumento della massa fecale, il legame e l’eliminazione di metaboliti potenzialmente tossici e la riduzione del tempo di transito intestinale. A tal proposito la Commissione Europea ha approvato anche uno specifico claim, secondo cui “la fibra di segale contribuisce alla normale funzione intestinale”.

Grazie a queste sue caratteristiche, la segale rappresenta una ricca fonte di fibre e un valido alleato per il benessere intestinale. Basta poco per trarne beneficio: aggiungerne anche meno di 100 grammi all’alimentazione quotidiana significa aumentare del 78% l’apporto di fibre tipico di una dieta a base di cereali raffinati – un ottimo risultato per diete che sono spesso ancora poco ricche di questo importante nutriente.

Contenuto realizzato con il contributo non condizionante di PEMA.

  • Hallmans, G., Zhang, J. X., Lundin, E., Stattin, P., Johansson, A., Johansson, I., … & Adlercreutz, H. (2003). Rye, lignans and human health. Proceedings of the Nutrition Society, 62(1), 193-199.
  • Holma, R., Hongisto, S. M., Saxelin, M., & Korpela, R. (2010). Constipation is relieved more by rye bread than wheat bread or laxatives without increased adverse gastrointestinal effects. The Journal of nutrition, 140(3), 534-541.
  • Isaksson, H., Landberg, R., Sundberg, B., Lundin, E., Hallmans, G., Zhang, J. X., … & Åman, P. (2013). High-fiber rye diet increases ileal excretion of energy and macronutrients compared with low-fiber wheat diet independent of meal frequency in ileostomy subjects. Food & nutrition research, 57(1), 18519.
  • Castro, M. L. G., Larregain, C. C., Coscarello, E. N., & Aguerre, R. J. (2019). Fibers: Healthy Component in Whole Wheat and Rye Flours. In Food Engineering. IntechOpen.
  • McIntosh, G. H., Noakes, M., Royle, P. J., & Foster, P. R. (2003). Whole-grain rye and wheat foods and markers of bowel health in overweight middle-aged men. The American journal of clinical nutrition, 77(4), 967-974.

Lascia un commento
Prima della pubblicazione, i commenti sono sottoposti a un processo di moderazione che può richiedere anche alcuni giorni. Ci riserviamo la facoltà di eliminare i contributi che saranno ritenuti offensivi, falsi o inappropriati.

Please enter your comment!
Please enter your name here