Pronti per le grigliate estive? 5 nuovi consigli dall’AICR per un barbecue più sicuro

In estate, si sa, la grigliata fa parte della nostra tradizione. Come ormai noto però grigliare ad elevate temperature porta alla formazione di sostanze potenzialmente cancerogene come gli idrocarburi policiclici aromatici, che presenti nelle fiamme possono aderire sulla superficie degli alimenti, e le ammine eterocicliche, che si formano quando le proteine della carne reagiscono con il calore intenso della griglia.
A tal riguardo, l’American Institute for Cancer Research ha recentemente pubblicato 5 semplici consigli per grigliare in maggiore sicurezza:
1. Alternare diversi alimenti: non solo hamburger e bistecche, è possibile essere creativi e grigliare anche il pesce, la carne bianca e le verdure.
2. Marinare: alcuni studi suggeriscono che la marinatura della carne rossa, del pollame e del pesce per almeno 30 minuti possa ridurre la formazione di ammine eterocicliche. I responsabili di questo effetto sembrano essere il mix di aceto, succo di limone o vino con olio, erbe e spezie.
3. Precuocere: in caso di tagli più grandi, per ridurre il tempo di contatto tra carne e fiamma, è consigliabile cucinarla parzialmente in forno prima di procedere con il barbecue.
4. Star “bassi” (sia con il fuoco che con i grassi): cuocere la carne a fuoco lento potrebbe ridurre la formazione di ammine eterocicliche e di idrocarburi aromatici policiclici. Inoltre, è bene cuocerla al centro della griglia e girare frequentemente. Da non sottovalutare che togliere le parti più grasse della carne può ridurre le fiammate e la carbonizzazione.
5. Aggiungere colore alla griglia: le verdure grigliate, ad esempio zucchine, cipolle, melanzane e peperoni, sono ottime e con i loro apportano sostanze antiossidanti e protettive, oltre a fibre e micronutrienti.

 

 

American Institute for Cancer Research. Cancer Experts Issue Warning on Grilling Safety. May 21, 2019. Available at: https://www.aicr.org/press/press-releases/2019/cancer-experts-issue-warning-on-grilling-safety.html

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here